Il parco della Grande Mela

I newyorkesi l’affollano in massa, i turisti l’ammirano col naso all’insù. Cos’è? il nuovo parco di New York a 9 metri del suolo! Punto di partenza: Meatpacking District, dove Washington Street incrocia la 14esima strada. Lì, a ridosso del ristorante dello Standard Hotel, c’è uno degli accessi al Parco sulla High Line. Una semplice scala in metallo, ampia abbastanza da far defluire i passanti nei due sensi, conduce al nuovo suolo. Arrivare è un incanto. Nulla a che vedere con la frenesia della città di sotto. Meno male che dieci anni fa il gruppo Friends of the Higline, nato per salvaguardare la soprelevata, è riuscito a interromperne la demolizione promuovendo un concorso di idee per un parco lineare. Il resto è cronaca: la vittoria del team costituito dai paesaggisti James Corner Field Operations e dagli architetti Diller Scofidio + Renfro; i lavori eseguiti a tempo di record; l’apertura a ridosso dell’estate. Ma continuiamo a camminare sulla High Line e senza farci distrarre troppo dal panorama percorriamo per quattro blocchi il pattern discontinuo della pavimentazione fino ad arrivare a Chelsea. Non saprei dire se il verde prevalga sull’architettura o viceversa. Né se ci sia equilibrio. Si tratta piuttosto di un andamento altalenante che mescola natura e artificio. Il risultato lascia senza parole. Merito anche del faccia a faccia con la città, e del dialogo sottovoce ma intenso con la vecchia infrastruttura. Una cosa è certa: qui, sotto gli alberi che riparano dal sole d’agosto, si sta bene. Tutto è studiato ma molto è anche spontaneo, soprattutto la vegetazione, che cresce e si infiltra nei moduli del calpestio in calcestruzzo: erba, fiori, cespugli con un che di selvaggio. Sono le essenze cresciute tra i binari durante il disuso. Considerate preesistenze, ripiantumate, convivono col segno contemporaneo del nuovo. Quello che, in questa scultura orizzontale metropolitana, genera chaise-longue che si muovono lungo i binari, panchine che si fondono col suolo e una piazza-teatro che si affaccia sulla città. Imperdibile.

 

Fonte: http://atcasa.corriere.it/Design-e-architettura

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...