il verde si mette in piedi: i più bei giardini verticali al mondo

Pare che i giardini verticali siano davvero l’avanguardia e l’alternativa al grigiore urbano, capaci di portare ordine, armonia e respiro. Dove la superficie destinata alle aree verdi è ridotta e sacrificata dalla espansione architettonica, il giardino verticale diventa la risposta al soffocamento urbano. Nei, ancora rari, casi in cui va a coprire grandi superfici e coinvolge l’utilizzo di arbusti grandi e medie dimensioni si parla di bosco verticale. Un concetto già trattato nell’analisi del progetto di riforestazione urbana in corso a Milano, denominato Porta Nuova . Oltre 300 mila metri quadrati dedicati all’applicazione delle più moderne soluzioni green che trova uno dei suoi elementi più qualificanti proprio nel grandioso Bosco Verticale che ricoprirà la Torre D ed E progettata dallo Studio di Architettura Boeri per il quartiere Isola.

Una soluzione che affascina per il suo aspetto di creatura vivente, in costante trasformazione così come è vissuta dalla più recente architettura dinamica di David Fisher. Con il giardino verticale è “il tempo” a entrare come concetto nella progettazione architettonica, ne è esemplare Harmonia 57 dell’innovativo quartiere ovest di San Paolo del Brasile, opera dello studio di architettura Triptyque. Qui la struttura è concepita come un corpo umano di cui il sistema di irrigazione a vista diventa l’apparato circolatorio essenziale alla crescita di quel verde, presente allo stato embrionale, che come una seconda pelle ricoprirà l’edificio. Vedi la gallery di immagini del progetto Harmonia 57 a San Paolo del Brasile

Proprio nel momento in cui scardina la più ovvia idea di crescita orizzontale del verde, ecco che il giardino verticale dà vita ad una miriade di soluzioni possibili mostrandosi vincente perché capace di adattarsi, nei modi più creativi, alle esigenze dettate dalle realtà in cui va ad inserirsi. Proviamo a passare in rassegna quelli che vengono definiti i più bei giardini verticali in Italia e nel mondo.

vedi la gallery di immagini del giardino verticale a Rozzano (MI)

Un progetto la cui straordinarietà, frutto del perfetto concerto tra  intelligenza manageriale e alta competenza tecnico-botanica, è nelle  dimensioni, ben 1250 i metri occupati un record nazionale ad oggi, e  nella ricchezza della biodiversità presente, studiata per resistere al  particolare clima milanese e dare il meglio di sè. 

Ma il verde si può trasformare anche in quadro, come è accaduto in Trafalgar Square a Londra, nuovo punto di incontro per gli amanti dell’arte e del green. Qui la National Gallery ha lasciato spazio all’estro di Madre Natura che ha dato la sua personale interpretazione del Campo di grano con cipressi di Vincent Van Gogh, opera realizzata dalla Ans Group. Vedi la gallery del muro verde a Trafalgar Square, Londra

E può veramente diventare “ponte” verso un nuovo stile di vita che cambia faccia alle città, quando va a ricoprire le più grigie infrastrutture. E’ questo il caso del ponte di Aix En Provence che attraversa l’Avenue Max Juvénal. La facciata di Sud-Ovest è ancora quella triste di un elemento senza vita, ma visto da Nord Est diventa un tripudio di colori e forme in movimento che catturano lo sguardo di chi passa invitando quasi a soffermarsi, a trattenersi nella cittadina francese, come il più caloroso benvenuto. Vedi la gallery di fotografie del progetto Pont Max Juvenal ad Aix en Provence  E ancora di ponte ma in questo caso di collegamento tra passato e presente si può parlare con l’intervento realizzato a Madrid da Patrick Blanc.

La parete verde alta 24 metri contraddistingue uno dei lati della Caixa Forum, il Museo d’Arte Contemporanea progettato da Herzog & de Meuron e nato dal recupero di una delle più importanti e uniche emergenze cittadine di architettura industriale: la vecchia centrale elettrica di Madrid.

L’impatto visivo è reso straordinario dall’utilizzo di ben 15000 piante appartenenti a 250 specie diverse che conferiscono movimento alla parete. Come una quinta scenica la vegetazione si prepara a dare vita ad uno spettacolo unico: il divenire sotto gli occhi di tutti della natura nella sua energia ribelle. Il gioco di linee sinuose ne esprime perfettamente la frizzante vitalità e accompagna il quotidiano aggregarsi della vita cittadina nello spazio pubblico antistante, strizzando l’occhio e, al contempo, invitando il turista a visitare il vicino Giardino Botanico, dove le specie vegetali verticali possono essere ammirate nella loro orizzontale dimensione quotidiana. Vedi le più belle immagini del progetto Caixa Forum a Madrid

La parete verde perde i propri confini e diventa “specchio del mondo” quando semplicemente annusando l’aria è possibile sentire il profumo del proprio paese mescolarsi a quello di terre lontane, è questo quello che accade ogni volta che si passa davanti al Quai Branly Museum a Parigi, poco distante dal più noto simbolo cittadino, la Torre Eiffel.

Nato da un progetto di Jean Nouvel, la struttura è scrigno del più prezioso patrimonio mondiale: una raccolta di oltre 30000 opere rappresentanti le civiltà primitive delle Americhe e di Asia, Africa e Oceania.

Un tuffo nelle proprie origini, in una dimensione senza tempo che si riflette nell’ambiente circostante, dove è la natura a farla da padrona. Per preservare quest’aspetto il lato che affaccia sulla Senna presenta un bellissimo esempio di integrazione tra giardino verticale e architettura.

L’atmosfera è fiabesca, tanto che guardando la parete, mossa da sempreverdi alternati ad essenze floreali, si ha l’impressione di trovarsi all’entrata di un bosco magico, mentre nelle finestre, di quella che appare un’abitazione elfica, si staglia l’azzurro di una città in movimento.

La natura qui sembra regalare a Parigi un soffio di aria internazionale nel vero senso della parola: per realizzare gli 800 mq di verde sono state messe  a dimora 15.000 piante provenienti da Giappone, Cina, Europa centrale e Stati Uniti. Un giro del mondo prêt-à-porter! Vedi tutte le immagini del giardino verticale presso il Quai Branly Museum

Il verde si trasforma pure in “prezioso tessuto” quando viene a contatto con il mondo della moda. La chiamano ars topiaria ed è la moderna evoluzione di quei giardini all’italiana che contraddistinguono i palazzi dei signori dal Cinquecento in poi. In questo caso è l’uomo a dare la regola alla natura, a trasformarla in strumento. E’ questo quello che è successo con Topiade, l’ambizioso progetto di eco design che ha portato al restyling del negozio Louis Vuitton ad opera del Gas Design Group. Un effetto finale che impressiona perché il verde qui acquista la proprietà serica del tessuto.  Vedi la gallery delle immagini più belle di Topiade

Il giardino diventa simbolo di “ospitalità” quando va a ricoprire gli alberghi della città, come l’Hotel Athenaeum a Londra. Il green wall che ricopre con la sua pacifica ombra questo prestigioso albergo sembra dialogare in soluzione di continuità con il vicino Green Park. Ben 12.000 le piante trapiantate da un’equipe di giardinieri-arrampicatori che hanno curato nel dettaglio l’ancoraggio alla facciata della gabbia portante in alluminio. La struttura, di circa 6 cm di spessore, è studiata per offrire le migliori condizioni di vita alle specie presenti, grazie alla presenza del feltro che applicato sul PVC assicura una distribuzione omogenea dell’acqua in tutte le parti del giardino. Un metodo di rivestimento studiato da Blanc che permette il costante approvvigionamento idrico di acqua piovana e fertilizzanti. Tra le varietà botaniche da citare la presenza di ficus, felci, filodendri e fatsie, specie che crescono di consueto sulle pareti rocciose delle zone tropicali e che hanno dimostrato quindi la loro particolar resistenza a condizioni estreme. Per ridurre al minimo la necessità di manutenzione e lasciare ampio spazio alla spontaneità della natura sono state privilegiate le sempreverdi, presenti circa all’80%, uno sfondo cromatico perfetto per enfatizzare le colorazioni delle piante stagionali. Alla base del successo di questa installazione è la disposizione delle specie a seconda della diversa altezza. La collocazione, frutto di un’analisi approfondita del comportamento della vegetazione, è studiata per rispettare e creare le migliori condizioni di vita per ogni pianta, a dimostrarlo è ad esempio la sistemazione delle rarissime ortiche asiatiche a livello del suolo, dove l’ombra è condizione ottimale di crescita, e nella parte più elevata e luminosa della parete, delle varietà più resistenti ad umidità e freddo.

Fonte: http://www.tuttogreen.it/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...